Ragionando su Bruxelles e dintorni 3

Tralasciamo i fatti legati alla cronaca per aprire una riflessione che cerchi di analizzare a grandi linee l’organizzazione terrorista, che prende il nome di ISIS e le motivazioni, anche di carattere culturale-religioso, che spingono un uomo ad aderire e condividere certe posizioni. Uno degli elementi che difficilmente comprendiamo è quale siano le arcane motivazioni che spingono un uomo ad abbandonare la propria vita facendosi saltare. Prima di cadere in risposte moraliste ed affrettate , le quali molte volte vengono pronunciate in merito a discussioni riguardanti il mondo islamico e il loro rapporto con le religioni, teniamo presente un dato assai importante: ossia quello che prende in considerazione la storia con le sue varie sfaccettature. La nostra civile e cara Europa tra il 1100 e il 1200 viveva in prima persona il fenomeno delle crociate, nelle quali migliaia di persone impugnando la croce cristiana e sotto il sommo volere di Dio diedero vita ad una tra le più cruenti guerre della storia, tutto solo per riconquistare la Terra Santa… .Sempre nella stessa Europa fino al 1600 la Chiesa cattolica, rappresentante della religione cristiana, non si scandalizzava nel bruciare vivo un uomo che sosteneva l’infinità dell’universo come Giordano Bruno. Questa Chiesa e questa religione sono le stesse che ad oggi si scandalizzano e condannano lo stile di vita del mondo islamico, trovando empio e vergognoso che una persona si faccia esplodere per un ideale religioso. Ricordiamo che l’Europa con le varie religioni, culture e etnie che “contiene” non sono arrivati a questo modello di civilizzazione per volere del loro Dio o per puro caso ma attraverso fenomeni quali l’illuminismo prima e il Materialismo Storico dopo, che sono riusciti a sradicare l’immagine religiosa dalla società , mirando ad un mondo che non si reggesse più su dati teologici ma concreti e razionali. Ahimè il mondo islamico si trova ad un grado di sviluppo dal punto di vista culturale più primitivo rispetto al resto del mondo occidentalizzato poiché non ha avuto la possibilità ancora di attraversare certi fenomeni e con questo  sicuramente non voglio far intendere che dovremo mandare noi un “messia” incaricato di divulgare certi valori. Una delle cose che potremo iniziare a fare è quella di cessare la guerra contro quelle popolazioni , come quelle dei Curdi e di tutte quelle che tendono  a sconfiggere l’oscurantismo religioso che ormai da troppi secoli condiziona quelle terre.guerrigliera-curda-bimba-liberazione2.png

Dovrà essere questo il nostro obiettivo e potremo ritenerlo raggiunto, quando loro avranno spezzato le immaginarie catene della schiavitù sia religiosa che politiche, soltanto allora  quando ogni uomo e ogni donna capirà che il vero nemico  non sarà la “generica popolazione occidentale”, ma coloro che per secoli lo hanno costretto a credere ciò , illudendolo che con una morte gloriosa, come il martirio avrebbe raggiunto il Paradiso. A quel punto sì che avrà capito l’enorme valore della sua vita e il grande sbaglio che commetteva nel versare anche una sola goccia di sangue per il suo padrone o per il suo dio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...